Il Parco nazionale del Cilento

Natura selvaggia e incontaminata

Il Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni - inserito nel 1997 nella prestigiosa rete delle Riserve della Biosfera dall’Unesco e identificato dal 1998 Patrimonio dell'umanità dell’Unesco - è il secondo parco in Italia per dimensioni.
Nel territorio del Parco sono presenti varietà faunistiche e floristiche assolutamente particolari, che esprimono tutta la bellezza di un territorio che si caratterizza per la geologia varia, che passa dalle morfologie collinari, ricoperte da distese di ulivi verdi che si rispecchiano nel blu del mare, a quelle molto aspre e profondamente incise da vivaci torrenti, baie dall’aspetto lunare, boschi di castagni e di lecci, paesi abbarbicati alle rocce o adagiati sulle rive.
Nell’intera superficie del Parco sono presenti aree marine protette e circa 1.800 specie diverse di piante autoctone spontanee, tra cui la Primula di Palinuro (Primula palinuri), anche simbolo del Parco per la sua unicità e per la diffusione estremamente localizzata. 
Anche la fauna è ampiamente diversificata in virtù della varietà di ambienti presenti sul territorio. Sulle vette, ad esempio, sono frequenti l’Aquila reale, il Falco pellegrino e il Corvo imperiale, mentre a valle la Volpe, la Martora, il Lupo e numerosissime specie di farfalle.
Insomma, un vero paradiso per gli amanti della natura selvaggia e incontaminata.
 
 
 
Newsletter
Iscriviti ora alla nostra newsletter!
 
 
Le nostre certificazioni
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.